Pubblicato in:

Il nuovo numero di Multiverso: ‘DUE’

Si pensa a due e si apre il mondo. Il tutto è sempre qualcosa di diverso e di più rispetto alla somma delle parti e questo vale a partire da due, la forma minima che apre alla molteplicità. Se da zero a uno, infatti, c’è nascita, creazione, emergenza, da uno a due c’è rottura, movimento, e quindi vita: le dinamiche si fanno infinite e imprevedibili. Nel suo tredicesimo numero, Multiverso si sofferma su queste combinazioni indagando cosa succede se nella dualità prevale la competizione o la cooperazione. Un tema attuale se si pensa alle molte dualità su cui si sono costruiti il nostro pensiero e la nostra società: cosa ne è della famiglia, oggi, tradizionalmente formata sulla coppia? che senso hanno destra e sinistra, pubblico e privato, stato e mercato? e nell’era della riproducibilità e della sempre più facile duplicazione, che ne sarà del diritto d’autore? fedeltà e tradimento, identità e mescolanza, mente e corpo, ragione e sentimento… Molti gli spunti del doppio che nel metodo di Multiverso verranno trattati, da più punti di vista, dell’economia, del diritto, della geometria, dell’arte, della sociologia, della psicologia: doppiezza, binario, doppi sensi, duelli, specchi e ombre, gemelli, zoppi, orbi, bipolari…

Commenta

La tua email non sarà pubblicata né diffusa. I campi obbligatori sono segnalati da *




saperi e pratiche si incrociano
per conoscere
nella pluralità
di pensieri
contro dogmi
e universalismi
multidisciplinare
multilinguaggio
multistile
multiverso

Forum Editrice Universitaria Udinese Università degli Studi di Udine in collaborazione con cdm associati - comunicazione e visual design in collaborazione con Altreforme - ricerca / web&multimedia / formazione
Privacy Policy