Pubblicato in: Vetrina crac /

Considerazioni politicamente scorrette sulla violenza metropolitana

Slavoj Žižek. A cura di Damiano Cantone

Le considerazioni su alcuni degli avvenimenti che hanno avuto maggiore eco sulla stampa mondiale negli ultimi anni – come l’uragano Katrina a New Orleans e le sommosse popolari nella banlieue parigina – sono il punto di partenza per una riflessione di più ampio respiro intorno ad un problema che s’impone per la sua urgenza e importanza: l’emergere della violenza nella nostra società ‘post-storica’. Si tratta di un tipo di violenza del tutto nuova, priva di qualsiasi afflato utopico o progetto rivoluzionario, una violenza ‘irrazionale’ e impotente, come un’esplosione di follia. Secondo l’autore sono proprio le democrazie occidentali, con i loro sistemi di valori ‘universali’ e i loro dispositivi di controllo a esserne la causa diretta, dal momento che impediscono di fatto qualsiasi processo di soggettivazione al di fuori delle proprie regole. È dunque ipocrita condannare semplicemente la violenza: è molto più costruttivo interrogarci seriamente su quale ruolo le riserviamo oggi, anche se ufficialmente le neghiamo diritto di cittadinanza nel nostro ordinamento sociale.

Commenta

La tua email non sarà pubblicata né diffusa. I campi obbligatori sono segnalati da *




saperi e pratiche si incrociano
per conoscere
nella pluralità
di pensieri
contro dogmi
e universalismi
multidisciplinare
multilinguaggio
multistile
multiverso

Forum Editrice Universitaria Udinese Università degli Studi di Udine in collaborazione con cdm associati - comunicazione e visual design in collaborazione con Altreforme - ricerca / web&multimedia / formazione
Privacy Policy