Pubblicato in: Gli incontri /

Multiverso incontra Cecilia Mangini. ‘Il cinema è nato come documentario con quel treno che entrava in stazione’

«Il cinema è nato come documentario. È nato con quel treno che entrava in stazione: era la comunicazione, la novità, il progresso. E poi l’uscita degli operai dall’officina: era l’esigenza del sociale, di capire che il mondo progrediva con il sacrificio del lavoro delle persone». Una vita strettamente legata alla potenza dell’immagine quella di Cecilia Mangini, fotografa e documentarista, attenta osservatrice e protagonista dei cambiamenti della società italiana a partire dall’Italia degli anni cinquanta. Multiverso l’ha incontrata alle giornate del Cinema del Reale (Specchia, luglio 2016). È stata l’occasione per spaziare su più temi: dalla libertà («La libertà non è data dal non aver obblighi, la libertà è data quando diventa una necessità e come necessità viene vissuta»), alla bellezza («Noi alla bellezza non chiediamo qualcosa che possiamo definire esteticamente valido, noi alla bellezza chiediamo conoscenza. All’arte chiediamo conoscenza. Conoscere significa porsi delle domande e non essere mai contenti delle risposte, per cui ogni risposta implica una nuova domanda»), alla democrazia («Le rappresentanze servono, ma non sempre si comportano bene nei nostri confronti […], bisognerebbe discutere i mandati, molto, e riguardarli, mettere dei punti molto fermi»). Del ’68, invece, ama ricordare la frase “siate realisti, chiedete l’impossibile!”. Un accenno anche alla moda dei selfie e alla sua esperienza di visitatrice di musei. Racconta che recentemente trovandosi al Louvre, spinta dall’interesse di capire di più del rapporto tra pittura e politica, davanti a ‘L’inconorazione di Napoleone’ di Jacques-Luis David, le è stato impossibile osservarlo con la dovuta attenzione perché uno stuolo di turisti si stava facendo dei selfie, voltando le spalle all’opera e senza neanche darci un’occhiata un solo momento.

Si ringrazia ‘La Festa del cinema del reale’ di Specchia (www.cinemadelreale.it).

Nella foto: Cecilia Mangini a Specchia, dove la ‘La festa del cinema del reale’ le ha dedicato la mostra ‘Cecilia Mangini. Visioni e passioni Showcase’ a cura di Paolo Pisanelli e Claudio Domini.

Cecilia Mangini, originaria di Mola di Bari (31 luglio 1927), da bambina si trasferisce con la famiglia a Firenze, dove da giovanissima inizia a interessarsi di immagine, prima come fotografa, poi come documentarista. Esordisce nel 1958 collaborando con Pier Paolo Pasolini, con ‘Ignoti alla città’ e, successivamente, firma capolavori come ‘Stenda-lì. Suonano ancora’ (1960), ‘La canta delle marane’ (1961), ‘All’armi siam fascisti (1962, con Lino Del Fra e Lino Micciché), ‘Essere donne’ (1965). Ha diretto oltre 40 documentari, realizzato reportage fotografici, firmato sceneggiature di film. La sua opera più recente è ‘In viaggio con Cecilia’, in coregia con Mariangela Barbanente. Nel 2011 le è stato dedicato il documentario ‘Non c’era nessuna signora a quel tavolo’, realizzato da Lorenzo Conte e Davide Barletti. Attualmente vive a Roma.

Commenta

La tua email non sarà pubblicata né diffusa. I campi obbligatori sono segnalati da *




saperi e pratiche si incrociano
per conoscere
nella pluralità
di pensieri
contro dogmi
e universalismi
multidisciplinare
multilinguaggio
multistile
multiverso

Forum Editrice Universitaria Udinese Università degli Studi di Udine in collaborazione con cdm associati - comunicazione e visual design in collaborazione con Altreforme - ricerca / web&multimedia / formazione
Privacy Policy