Pubblicato in: Gli incontri /

Una questione di forma. Ruolo e responsabilità del graphic design

Pordenonelegge, il festival di libri, autori, editori e soprattutto di lettori, dove di solito si va per un romanzo, un giallo, un saggio, oppure per ascoltare il pensiero di un filosofo o i versi di un poeta, ha inserito, tra i suoi appuntamenti, un incontro per parlare dell’importanza della forma, nel suo rapportarsi al contenuto. Spesso capita che forma e contenuto tradiscano la loro identità narrativa e prendano strade separate; ma cosa perde il lettore se la forma è disgiunta dal contenuto? Un libro, nel momento in cui si tras-forma in progetto grafico diventando un oggetto fruibile, dovrebbe tener sempre conto di tutta la sua potenzialità comunicativa in aggiunta all’apparato testuale. Immagine di copertina, taglio delle foto, formato, bianco in pagina non sono mai neutri. Possono c’entrare nulla o poco, oppure farsi carico di una loro funzione di ‘servizio’ e di progetto responsabili. L’incontro, proposto dalle riviste ‘Multiverso’ e ‘Progetto grafico’, ha visto la partecipazione di Silvia Sfligiotti, Riccardo Falcinelli e Massimo Recalcati.

Silvia Sfligiotti

È graphic designer, docente e critica della comunicazione visiva. Accanto alla sua attività professionale con Alizarina, lo studio di cui è co-titolare dal 2005, insegna all’ISIA di Urbino, alla Scuola politecnica di design di Milano e alla SUPSI di Lugano. È co-curatrice di diverse pubblicazioni e mostre, tra cui Italic 2.0 (Torino, 2008) e Open Projects (Chaumont, 2010). Collabora con riviste internazionali di grafica come ‘Tpes’ e ‘Typo’. Dal 2012 insieme a Riccardo Falcinelli dirige la rivista ‘Progetto Grafico’.

Roberto Falcinelli

Grafico e teorico del design, ha progettato libri e collane per i maggiori editori italiani tra cui Einaudi, minimum fax, Laterza, Carocci. È autore di ‘Guardare, pensare, progettare’ sul rapporto tra neuroscienze e design e ‘Fare i libri’ il racconto di dieci anni di progetti editoriali per minimum fax. Insieme a Marta Poggi, ha scritto e disegnato i graphic novel ‘Cardiaferrania’, ‘L’allegra fattoria’ (minimum fax) e ‘Grafogrif’ (Einaudi). Dal 2012 insegna Psicologia della percezione all’ISIA di Roma ed è codirettore di ‘Progetto grafico’, rivista internazionale di grafica edita dall’AIAP Associazione italiana design per la comunicazione visiva.

Massimo Recalcati

Psicoanalista tra i più noti d’Italia, è membro analista di ALI-Associazione lacaniana italiana di psicoanalisi, fondatore di Jonas-Centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi e direttore scientifico di IRPA-Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata. Autore di numerose pubblicazioni, in particolare relative all’anoressia, alla bulimia e ai disturbi alimentari, tradotte in diverse lingue, collabora con diverse riviste specializzate nazionali e internazionali e con le pagine culturali de ‘Il Manifesto’ e ‘Repubblica’. Per quanto riguarda il suo interesse per il rapporto tra psicanaili e arte, ricordiamo i suoi ‘Il miracolo della forma. Per un’estetica psicoanalitica’, Bruno Mondadori, Milano 2007 e ‘Melanconia e creazione in Vincent Van Gogh’, Bollati Boringhieri, Torino 2009.

Pordenonelegge, sabato 21 settembre 2013, Parco della Galleria d’arte moderna e contemporanea, Pordenone.

Un commento a “Una questione di forma. Ruolo e responsabilità del graphic design”

  • Roberto scrive:

    Volevo solo segnalare un refuso…avete scritto “Roberto” Falcinelli invece di Riccardo

Commenta

La tua email non sarà pubblicata né diffusa. I campi obbligatori sono segnalati da *




saperi e pratiche si incrociano
per conoscere
nella pluralità
di pensieri
contro dogmi
e universalismi
multidisciplinare
multilinguaggio
multistile
multiverso

Forum Editrice Universitaria Udinese Università degli Studi di Udine in collaborazione con cdm associati - comunicazione e visual design in collaborazione con Altreforme - ricerca / web&multimedia / formazione
Privacy Policy