Pubblicato in: n. 10 Link /

Editoriale ‘Link’

di Andrea Csillaghy

Che tout se tient è una banalità che Link non vuole giustificare. Come la dialettica delle
triadi di Hegel questa è una delle chiavi fondamentali per capire l’interconnessione del tutto che gli uomini spesso vogliono ignorare – facendo le loro guerre, scoperte, teorizzazioni e costruzioni con l’illusione di una originalità che ripiomba poi nella logica complessiva più ovvia – mentre il saggio, o la civetta di Minerva o la filosofia, si alza in volo tardi, al chiudersi del giorno, quando la tenebra ormai incombe.

E allora, mentre la filosofia tarda, «Multiverso» in questo numero esplora con sottile pazienza e vivace lavorio i link dei macro e microsistemi che fanno il nostro mondo, tendendosi e allentandosi intorno a noi, con noi. Perché link (una paroletta che nel suo passato plurimillenario indoeuropeo, greco-latino, germanico, comprende il legaccio e la ciclicità, la pieghevolezza e la commessura di una palizzata) è non solo opportunità, ma necessità, è un possibile ‘girotondo’ per la storia a venire, un’indicazione di sentieri da cercare, capire e percorrere con intelligenza e dedizione: oggi unico richiamo morale per tutti.

© Riproduzione riservata

Andrea Csillaghy

Andrea Csillaghy è docente di Lingua e letteratura ungherese presso l'Università di Udine. Studioso di linguistica di lingue europee ed asiatiche, si occupa di problemi e teorie didattiche delle grandi lingue moderne.

Commenta

La tua email non sarà pubblicata né diffusa. I campi obbligatori sono segnalati da *




saperi e pratiche si incrociano
per conoscere
nella pluralità
di pensieri
contro dogmi
e universalismi
multidisciplinare
multilinguaggio
multistile
multiverso

Forum Editrice Universitaria Udinese Università degli Studi di Udine in collaborazione con cdm associati - comunicazione e visual design in collaborazione con Altreforme - ricerca / web&multimedia / formazione
Privacy Policy